La Procura in uno scatto notturno

La Procura in uno scatto notturno

Dopo anni di complessa convivenza con le difficili condizioni degli Uffici Giudiziari napoletani presso la storica sede di Castelcapuano,  lunedì 19 dicembre 1994 entra in funzione il nuovo Ufficio della Procura della Repubblica di Napoli.

La Palazzina A, edificata nell’isola n. 5 del Centro Direzionale di Napoli progettato dall’architetto Kenso Tange, è costituita da 14 piani fuori terra, da un piano seminterrato e da un piano interrato. I piani fuoriterra hanno una superficie lora di 650 metri quadri per il piano terra, di 762 metri quadri per ciascuno dei dodici piani intermedi, e di 560 metri quatri per il tredicesimo piano. Il piano seminterrato e quello interrato, adibiti rispettivamente ad archivio e deposito e ad autorimessa, presentano una superficie di piano di 1575 metri quadri. L’edificio è costituito da un blocco “torre” di ingombro 17,40×43,80 metri e si sviluppa su 16 livelli, per un’altezza complessiva di 51,20 metri.

Oltre alla Palazzina A, nel corso degli anni gli Uffici della Procura della Repubblica di Napoli sono stati dislocati anche all’interno di una secondo edificio (Palazzina B) e del Nuovo Palazzo di Giustizia.